Fatture elettroniche e marca da bollo

Marca da bollo, cosa é?
Una marca da bollo è un’imposta sostitutiva dell’IVA che viene applicata su ricevute e fatture in casi specifici quando l’importo totale supera i € 77,47.

Marca da bollo, quando si applica?
La marca da bollo da € 2,00 deve essere applicata alle ricevute e alle fatture non imponibili o esenti IVA per importi maggiori di € 77,47.
L’importo della marca da bollo va calcolato nel totale  escluso l’eventuale computo della ritenuta d’acconto.
Possono esserci dei casi in cui questa venga apposta anche in documenti a cui venga applicata l’IVA. Questo è ammissibile solo se l’importo dei beni o servizi esenti IVA è maggiore di 77,47 euro.
I casi più comuni di utilizzo della marca da bollo per la fatturazione sono per:

  • prestazioni occasionali;
  • contribuenti del regime agevolato dei vecchi minimi o forfetario (o dei nuovi minimi).

Le specifiche tecniche riportano i riferimenti normativi su come assolvere il bollo virtuale ( sez. 2.1.1.6) “Bollo assolto ai sensi del decreto MEF 17 giugno 2014 (art.6)”


Decreto del 17/06/2014 – Ministero Economia e Finanze
 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto – articolo 21, comma 5, del decreto legislativo n. 82/2005.
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 146 del 26 giugno 2014

Art. 6 Modalità di assolvimento dell’imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari

In vigore dal 26/06/2014

  1. L’imposta di bollo sui documenti informatici fiscalmente rilevanti e’ corrisposta mediante versamento nei modi di cui all’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, con modalità esclusivamente telematica.
  2. Il pagamento dell’imposta relativa alle fatture, agli atti, ai documenti ed ai registri emessi o utilizzati durante l’anno avviene in un’unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio. Le fatture elettroniche per le quali è obbligatorio l’assolvimento dell’imposta di bollo devono riportare specifica annotazione di assolvimento dell’imposta ai sensi del presente decreto.
  3. L’imposta sui libri e sui registri di cui all’art. 16 della tariffa allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, tenuti in modalità informatica, è dovuta ogni 2500 registrazioni o frazioni di esse.

Schermo intero

Previous

Next

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Pin It on Pinterest

Share This
Massimo Conti

GRATIS
VIEW